Lo scarabocchio e lo Zen

scarabocchio

Scarabocchio

Perché gli Intrecci Zen (Zentangle negli Usa) vengono chiamati in questo modo?

Cosa ha a che fare lo scarabocchio e lo Zen?

Maria Thomas  e Rick Robert i due artisti americani ideatori del metodo Zentangle (con un marchio registrato!) considerano l’attività fatta seguendo il loro metodo come un modo di meditare tramite l’arte in quanto questa è una forma di rilassamento, concentrazione e ispirazione e può essere un meravigliosa rituale quotidiano..

Pur condividendo il loro pensiero ho cercato di comprendere qual’è la differenza tra uno scarabocchio fatto di getto (istintivo) ed uno scarabocchio zen (o Intreccio come io preferisco chiamarlo), ampliando la mia conoscenza dello Zen

Che cos’è lo ZEN?

Zen non è nulla di particolare. Zen è la vostra religione e la mia, è la religione del Giappone, quelle degli indiani e dell’Islam.

Zen è il gioco delle dita sulla tastiera drl computer. Zen sono io che vado in bicicletta. Zen è il nostro riso, il nostro pianto, il nostro odio, il nostro amore, la nostra gioia il nostro lutto. Zen è il nostro agire e l’osservazione del nostro agire. Zen è la luna, l’albro e il tramonto, la primavera, l’estate l’autunno e l’inverno.

Nella sua essenza lo Zen non è dunque nulla di straordinario. Zen è la stessa vita quotidiana, è la vita di tutti i giorni.

Ma allora, che cosa signica Zen?

Zen significa non oltepassare l’attimo, ma vivere nell’attimo. Significa anche non giudicarlo. Si tratta semplicemenet di viverlo così com’è e agire con ATTENZIONE.

Fonte: Adelheid Meutes-Wilsing, Judith Bossert, Zen, Edizioni Red, Milano 2005

intrecciozen-mano

Intreccio o scarabocchio ZEN

Lo spirito Zen è uno spirito da principiante, di respiro in respiro, oppure nulla.

Perciò:

Quando siedi, siedi;

quando cammini, cammina;

quando lavori, lavora.

Questo è tutto, questo è Zen

Nel pensiero zen è importante esercitare l’ATTENZIONE, e così nell’Intreccio Zen bisogna SCARABOCCHIARE con ATTENZIONE.

L’intreccio Zen, pur avendo molto in comune con lo scarabocchio, non è un gesto fatto di impulso o in modo distratto, come quando scarabocchiamo al telefono.

L’Intreccio Zen ci permette di sperimentare un modo diverso di fare arte, un’arte semplice fatta di tratti prima elementari e poi man mano più complessi. E’ uno “scarabocchiare con consapevolezza” che riusciremo a fare solo vivendo pienamente l’azione che compiamo senza giudicare quello che stiamo facendo. Si tratta semplicemente di percepire l’attimo, di viverlo, passo dopo passo, tratto dopo tratto, come nella vita.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Arte, I miei laboratori, intrecci zen e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Lo scarabocchio e lo Zen

  1. marcella ha detto:

    Mi piace questa cosa……
    P.S. Se ti interessa iscriverti a SCC, scrivimi una mail che ti spiego tutto marevan60@gmail.com

  2. Dora ha detto:

    Ciao, vorrei partecipare alla lezione di oggi pomeriggio, ma non mi sono prenotata…come posso fare?
    Ho provato a telefonare al numero di telefono fisso ma non risponde nessuno!
    Lo so è un pò tardi…
    Grazie! Ciaociao

  3. daniela ha detto:

    ciao Tina sono Daniela (gruppo Taranto) vorrei ringraziarti per la meravigliosa esperienza, in particolare modo mi ha entusiasmato la parte conclusiva della giornata perchè ha suscitato in me delle sensazioni e delle emozioni molto
    intense, rappresentare i miei sogni con dei simboli e vedere come gli altri inconsapevolmente interagivano sul mio scarabocchio utilizzando il colore rosso, mi ha coinvolto emotivamente.
    Vorrei chiederti come fare ad interagire con gli altri
    corsisti.
    Ciao e a presto

  4. Pingback: SCARABOCCHI ZEN « Rossella Grenci’s Blog

  5. Pingback: magliettebucate» Blog Archive » Lo scarabocchio e lo Zen | Tina Festa

  6. santa Ridolfi ha detto:

    ho appena guardato dei video sui “zentangle” e sono rimasta colpita perché mi sono piaciuti molto
    ma è anche una tecnica che ho sempre usato senza saperlo, da quando ero ragazzina, quello che più mi ha colpito è che alla fine il disegnatore ha tagliuzzato come coriandoli o a striscioline il disegno e anche lo ha maneggiato, per poi di nuovo stenderlo. Ma che significato ha tutto questo?
    grazie
    o

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...