I bambini visitano la mostra di Shinya Sakurai

Image (4)

I BAMBINI VISITANO LA MOSTRA DI SHINYA SAKURAY A MATERA, PRESSO LA GALLERIA “ALBANESE ARTE”

Quando ho visto alcune immagini che passavano sulla Tv locale e che si riferivano alle opere di un giovane artista giapponese Shinya Sakurai mi sono detta: ecco questa mostra va visitata con i bambini della mia sezione. Dopo aver condiviso con la mia collega l’idea ed aver contattato i galleristi ho cominciato a predisporre una scaletta per delle semplici attività da fare in galleria ed in sezione. Grazie alle indicazioni suggeritemi in alcuni articoli (vedi articolo precedente) ho pensato di fare quanto segue. Vi illustro le attività ed in alcuni casi le motivazioni della scelta.

Prima della visita alla mostra ho intenzionalmente omesso ogni descrizione delle opere dell’artista ed informazioni sull’artista stesso: ho preferito rimandare queste informazioni al giorno della visita, dopo aver proposto delle azioni gioco in galleria. Le mie informazioni si sono limitate ad illustrare il sigificato di Galleria d’arte.

Image (5)Appena arrivati nella Galleria Albanese ho proposto un gioco.

TROVA IL QUADRO: in due momenti distinti ho offerto ad ogni bambino una tesserina: 1) cercare il quadro tra quelli presenti in galleria come la miniatura proposta che lo raffigura interamente (l’immagine del quadro che ho proposto è quella che apre questo articolo).

2) cercare il quadro giusto tra quelli presenti in galleria a partire da una tesserina che riporta solo un particolare del quadro (l’immagine proposta è quella a sinistra).

Dopo aver spiegato il gioco i bambini si sono mossi liberamente in galleria a caccia dei quadri.

SAM_28742

Ho proposto questo gioco per diversi motivi: per fare in modo che i bambini potessero muoversi liberamente in Galleria (il piccolo gruppo ha di certo favorito l’attività!) – per far sì che i bambini osservassero con attenzione i quadri e per farli divertire!

QUALI FORME?forme geometriche

9

Ai bambini è stata consegnata una scheda per le azioni-gioco successive. Abbiamo osservato e ripetuto insieme il nome delle forme poi i bambini hanno osservato i quadri per cercare quali forme erano presenti nei lavori, sia nelle tele di base, che nei disegni e simboli aggiunti dall’artista.

1

OSSERVIAMO I COLORI

12 Elenchiamo tutti i colori che riusciamo a riconoscere. Quali colori sono maggiormente presenti?

LE EMOZIONI –
Ho posto ai bambini delle domande affinchè potessero descrivere le sensazioni che provavano osservando i quadri ed “entrare in contatto” così con le opere. con l’artista e con il messaggio della mostra.

Qual è l’emozione che questi quadri vi comunicano? Vi piacciono? Come vi fanno sentire? C’è un quadro che ti piacerebbe avere nella tua cameretta? Quale? Mi dici perchè? Scegli il quadro che preferisci ed inventa un titolo.

3

COME SONO STATI REALIZZATI I QUADRI?

shinyaPensate che questi quadri siano stati fatti a caso o sono stati fatti seguendo un progetto?

Come pensate che siano stati fatti questi quadri? Secondo voi quali gesti ha fatto l’artista per crearli? Mi fate vedere come? (queste domande sono state poste per far sì che i bambini potessero porre attenzione sulle colature e sul modo corretto per ottenerle, inclinando il quadro.) 

5

Dopo la visita alla mostra siamo ritornati in sezione per creare lavori ispirati a Sakurai. Ma per raccontarvi quello che abbiamo fatto ci vorrebbe un altro post! 🙂

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Maestra Tina e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

3 risposte a I bambini visitano la mostra di Shinya Sakurai

  1. Rita ha detto:

    che bell’esperienza! Complimenti!

  2. Laura ha detto:

    Articolo interessante, molto apprezzabile lo sforzo della maestra di individuare, per i propri bambini, alcune attività divertenti finalizzate alla conoscenza delle opere che altrimenti sarebbero passate “inosservate”…purtroppo queste attività, nelle scuole, si riducono spesso ad un semplice accompagnamento della maestra nei famosi laboratori, dove altre persone si preoccupano di coinvolgere i bambini a loro sconosciuti; a noi genitori il compito di pagare la quota e preparare la merendina senza alcuna informazione sul programma e le finalità della gita.
    Laura

  3. Pingback: OMAGGIO AD ARCIMBOLDO a cura di Mina Vinciguerra | Vivi il Museo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...